Perché mettere un'ipoteca sulla propria felicità futura, quando si può essere felici e soddisfatti nell'immediato?

Fotografia della Marina di San Vincenzo
Fotografia della Marina di San Vincenzo postata da Angelica sulla sua pagina Facebook

Ho parlato così tanto della mia amica Angelica che mi sembra giusto fare un piccolo strappo alla regola: oggi non parlerò di personaggi famosi, video o immagini firmati, ma di un suo post su Facebook.

Riportare tutto il testo  nell’articolo sarebbe stato troppo lungo, perciò ho preferito caricarlo come documento che potete scaricare a questo link. Come da titolo dell’attuale articolo, però, credo che la frase centrale del suo discorso sia

Perché mettere un’ipoteca sulla propria felicità futura, quando si può essere felici e soddisfatti nell’immediato?

Gege (così la chiamiamo in amicizia), ha centrato due punti molto importanti:

  1. A volte ci dimentichiamo dei nostri bisogni primari
  2. Un nostro desiderio potrebbe essere facilmente ralizzabile

Se avete fame, non penserete al vostro desiderio di costruirvi una famiglia con la vostra amata: dovete prima pensare al vostro corpo.

 Immaginiamo che il vostro desiderio sia quello di diventare uno scrittore ma che siate bloccati dall’eventuale biasimo o critica distruttiva di qualcuno.

Senza voler scomodare per l’ennesima volta Steve Jobs, la domande che dovete fare a voi stessi in questi casi sono due

  1. Mi sto divertendo?
  2. Sto danneggiando qualcuno?

Se la risposta è affermativa nel primo caso, negativa nel secondo, procedete pure (l’esempio del nipote di Angelica non c’entra: i bambini sono bambini); viceversa, dovrete trovare un’altra strada verso la felicità: non potete essere veramente felici se avete fatto del male al vostro prossimo.

 

Fra 5000 anni gli archeologi troveranno questi resti

5000AnniArcheologiResti
Fra 5000 anni gli archeologi troveranno questi resti

Mi chiedo spesso

Come giudicheranno gli storici il nostro mondo attuale?

Sinceramente, non vedo chi o cosa potrebbe essere tramandato ai posteri. Sembriamo così preoccupati di noi stessi che non ci rendiamo conto di chi ci circonda.

L’immagine proposta dalla pagina Facebook Metteteci una pietra sopra ma anche no rende bene l’idea. Lo scheletro fossilizzato di un uomo intento a farsi un selfie spiega benissimo la frase

Fra 5000 anni gli archeologi troveranno questi resti

Una cosa molto diversa dal futuro immaginato nella saga cinematografica Ritorno al futuro o nel cartone I pronipoti. In entrambi i casi, si nota una certa permanenza di cose che – ai tempi in cui uscirono questi lavori – sembravano dover durare per sempre.Concetti come

  • Famiglia
  • Amici
  • Persone

Sembrano invece essere stati dimenticati, lasciando spazio all’edonismo e all’egocentrismo.

Cosa ci aspettiamo di raggiungere agendo così? Probabilmente, una sorta di soddisfazione. Se è vero che è immediata, è altrettato vera che è effimera. La fotografia potrebbe essere cancellata pochi minuti dopo o disperdersi tra i miliardi di cose postate ogni giorno. L’unica cosa che potrebbe salvarli dall’essere dimenticati è fare il backup del proprio account molto di frequente,a meno che un giorno i server dedicati non vengano dismessi.

Se, invece, collaborassimo più spesso l’uno con l’altro o – più semplicemente – ci parlassimo di più, avremmo qualcosa di bello da tramandare alle prossime generazioni.

 

 

 

Il bene o il male che fai torna sempre indietro

Il video che da tempo propone la pagina Facebook MI PIACE la buona educazione e condiviso da Avanti a testa alta  la buona mi ha sempre commosso per la sua bontà e semplicità. Racconta la storia di un uomo che regala alla bambina di una famiglia povera una torta che la piccola voleva, perchè anni prima lui si era trovato nella stessa situazione.

Il titolo del video non ha certo bisogno di un mio commento:

Il bene o il male che fai torna sempre indietro

è già esplicativo si suo.

Per quanto riguarda il male non vorrei parlarne, ma devo. Tralasciando dittatori e qualche altro psicopatico che prova piacere nel fare del male, chi fa del male lo fa per vendicarsi di un torto subito. Un’alternativa molto più pratica, produttiva e razionale della vendetta sarebbe ascoltarsi di più: purtroppo, siamo così convinti delle nostre idee che – spesso – ascoltiamo con le orecchie ma non con il cuore ed il cervello. Anche io ho commesso tante volte questo errore in passato: dovrò prendere esempio da tante persone che mi circondano per non farlo più.

Il bene  dovrebbe essere, invece, un modo per far progredire l’umanità. Se penso ad uno scienziato qualsiasi, a parte qualche psicopatico di cui sopra, hanno sempre avuto come obiettivo il progredire dell’umanità: anche se non sempre ci sono riusciti, ci hanno provato.

Sul tornare indietro il discorso è più complesso: magari occorrerà aspettare anni e ricordare eventi passati per avere la prova che ciò sia avvenuto. Magari due eventi sembreranno slegati fra loro ma, andando a scavare, si potranno unire i puntini, per dirla con Steve Jobs.

Mi piacerebbe portarvi qualche esempio, ma non posso farlo per due motivi:

  1. Sembrerebbe che mi stia pavoneggiando
  2. Non sempre riconosco i miei atti di bontà nel momento in cui li compio.

La finta perfezione

Mi scuso con chi vorrà vedere il video di stasera: non sono riuscito a trovare una versione migliore su youtube. Se volete vederlo meglio, vi consiglio di visitare la pagina Facebook Linfa vitale.

Il titolo è molto esplicativo

La finta perfezione

Le immagini che scorrono ci mostrano utenti dei Social Network intenti a mostrarsi al meglio della loro forma, ma ciò che non vediamo mostrerebbe un’altra realtà.

Se, un tempo, questo giochetto era buono per un servizio su un rotocalco femminile (e per vendere più cosmetici), ora sembriamo tutti presi dalla smania di mostrarci in forma smagliante. Io e pochi altri sembriamo sempre pronti per andare a dormire, piuttosto che prepararci nei minimi dettagli anche quando andiamo in ufficio.

Stiamo forse tutti aspirando ad una carriera in passerella? Non credo: data l’età media italiana, molta gente sarebbe  fuori quota, oltre che fuori forma.

Anche se è giusto mostrarsi al meglio delle proprie possibiità ed un bell’aspetto aiuta sicuramente a fare colpo, ciò che conta è ciò che siamo realmente: una persona dotata di un minimo di spirito critico vi smaschererà dopo poco tempo. Un modo per vedere come sia una persona nella vita di tutti i giorni c’è, ma lo usiamo poco: andiamo a trovarlo d’improvviso a casa sua, anche solo per farci offrire un caffè…ma mi raccomando: non mettetevi in tiro.

 

Se era grande quello che hai superato, sarà immenso quello che raggiungerai.

Frase anonima
Se era grande quello che hai superato, sarà immenso quello che raggiungerai.

Oggi ho commesso un errore: salvando l’immagine di cui parlare, non ho memorizzato la pagina Facebook che l’ha pubblicata. Chi la riconoscesse, è pregato di farsi vivo.

La frase l’immagine sono complementari

Se era grande quello che hai superato, sarà immenso quello che raggiungerai.

Trovo che la nebbia sia una buona metafora del futuro: qualcosa che non vediamo ed è più o meno distante dal presente.

Conosciamo bene il nostro passato e stiamo vivendo il presente: sappiamo cosa abbiamo attraversato, sappiamo cosa stiamo attraversando, ma non sapremo cosa attraverseremo in futuro.

Ogni tanto, mi domando

Ma come ho fatto a superare tutto questo?

e mi faccio i complimenti da solo! Nel momento in cui stiamo vivendo un determinato evento faticoso, ci sembra insuperabile…ma tutto passa e ci rende più forte.

Non dimentichiamoci, poi, di una cosa: non siamo mai soli. A volte, una mano ci arriverà dalle persone che abbiamo al fianco.

 

Se ne vale la pena, si trova sempre tutto. Tempo, coraggio, scusa e motivo

ValerePenaTrovareTutto
Se ne vale la pena, si trova sempre tutto. Tempo, coraggio, scusa e motivo

Sono trascorsi solo tre giorni da quando ho pubblicato un articolo su un’immagine della pagina Facebook Vabbè: forse è un po’ presto per parlarne ancora, ma gli amministratori di quella pagina sono molto prolifici.

Il campo neutro lascia spazio alla frase

Se ne vale la pena, si trova sempre tutto. Tempo, coraggio, scusa e motivo

Non sempre è facile individuare ciò per cui vale veramente la pena vivere: abituati così come siamo al nostro tranquillo ménage quotidiano fatichiamo a vedere delle alternative a ciò che abbiamo fissato in testa o sulla nostra agenda.

Siamo sicuri di una cosa: sappiamo che esiste un modo diverso di vivere la giornata, ma non sappiamo quale sia. Forse è la paura che ci blocca, ma non ce ne rendiamo conto.

Non credo che fissarsi sulla decisione di fare qualcosa di diverso sia producente: trovo più opportuno lasciare fare al caso, alla fatalità, al destino, all’inconscio…a quella cosa che (in qualunque modo vogliate chiamarlo) vi farà fare la scelta giusta.

Noi dobbiamo fare solo due cose:

  1. Prenderci il tempo di ascoltarci
  2. Essere aperti al cambiamento

Il secondo punto è la chiave del cambiamento che tanti cercano, ma che pochi trovano, a causa della loro chiusura mentale.

La mia psicanalista sosterrebbe che faccio parte dei tanti, ma credetemi che sto cercando di entrare nell’èlite dei pochi.

 

 

Ognuno vive come gli pare, ma oggi sembrano tutti usciti da una fotocopiatrice

Frase dal Film "Il favoloso mondo di Amélie"
Ognuno vive come gli pare, ma oggi sembrano tutti usciti da una fotocopiatrice

 

Quando ho scelto la frase di oggi sulla pagina Facebook Vabbè , non sapevo che fosse stata pronunciata nel film  Il favoloso mondo di Amélie

Ognuno vive come gli pare, ma oggi sembrano tutti usciti da una fotocopiatrice

Mai concetto fu più vero! Sebbene tutti si dichiarino persone anticonformiste, facciamo di tutto per essere accettati dal prossimo e, perciò, ci omologhiamo. Quello che aveva teorizzato Orwell nel suo famoso romanzo quasi settant’anni fa, si è concretizzato ai giorni nostri.

C’è un omologazione imperante che ha decretato sia il modo di vivere, dal momento in cui ci alziamo la mattina fino ai nostri desideri. L’unica cosa che sembra essere libera da tutto questo sembrano essere i nostri sogni notturni, forse perché non li controlliamo.

Raramente ci alziamo la mattina ricordandoci cosa abbiamo sognato la notte precedente, forse perché neghiamo a noi stessi la vita che abbiamo sempre desiderato.

Perché facciamo tutto questo? Semplicemente perché ogni cosa al di fuori dell’omologazione è mal vista dalla società: ammetto di aver fatto anche io questo errore, perché volevo essere accettato.

Tanti di noi hanno confuso le normali regole del quieto vivere con l’omologazione sociale, tanto da venirci ad insegnare cosa fare della nostra vita: mi vien quasi da dire

Tutti psicologi con il cervello degli altri!

Non sto mandando al diavolo tante sedute di psicoanalisi, proprio perché so che la mia terapeuta non può, per deontologia professionale, insegnarmi a vivere: devo essere io a trovare il mio modo.

La maggior parte di noi, però, preferisce omologarsi: peccato!

 

Pultroppo, propio, a me mi

 

Pultroppo, propio, a me mi
Pultroppo, propio, a me mi, andevamo, cortello, salciccia, semafero, se io avrei

Il titolo di questo post potrebbe farvi pensare che io sia ammattito tutto d’un tratto: così non è, state tranquilli e nemmeno mi sono messo a parlare come Titti che – pultroppo – deve fare i conti con Gatto Silvestro che lo vuole mangiare tutti i giorni.

Continua a leggere Pultroppo, propio, a me mi

Chi si fa grande con le parole, si fa piccolo con i fatti

Frase anonima su chi si fa grande
Chi si fa grande con le parole, si fa piccolo con i fatti.

Parlare della frase di stasera, condivisa da I valori della vita, potrebbe essere pericolo per un blogger come me e per un blog come questo

Chi si fa grande con le parole, si fa piccolo con i fatti.

Del resto, pochi di voi mi conoscono di persona e tutti gli altri potrebbero avere l’impressione che sia uno che predica bene e razzola male, per usare un modo di dire, ma non mi considero certo un grande. Una piccola prova è data dal fatto che non è la prima volta che parlo di un concetto simile.

Andando più in profondità, posso dire che esigo lo stesso rispetto da parte degli altri. In due parole, posso dire che mi sento avvilito in due frangenti:

  1. Quando una persona non riesce a mantenere le sue promesse
  2. Quando io non riesco a mantenere le promesse fatte

Tutte le motivazioni che possiamo avere – per quanto sensate – servono a ben poco, se usate frequentemente: mantenere una promessa è la regola, non l’eccezione.

Come possiamo rispettare questa regola? Semplicemente, ascoltandoci di più.

Facciamo un piccolo esempio: conoscete il vostro miglior amico dai tempi del Liceo, perciò sapreste descriverlo meglio di sua madre (con tutto il rispetto per le madri). Logicamente, sapete anche pregi, difetti, segreti e cosa trova fastidioso il vostro amico: avreste in mano tutte le carte possibili ed immaginabili sia per farlo felice, che per distruggerlo. La scelta spetta a voi.

Io scelgo sempre la prima opzione, ma pretendo che anche gli altri facciano lo stesso con me.

Scrivendo di getto (ogni articolo mi occupa al massimo mezz’ora di tempo e questo articolo mi ha richiesto molto meno tempo), posso fornirvi un’ulteriore prova. Se non vi bastano…beh, allora dovete conoscermi e non farvi fregare dalla vostra impressione, dalla mia ansia o da quello che volete voi.

 

Se osserviamo, la natura ci insegna sempre l'indipendenza e il non – conformismo

OsservareNaturaIndipendenzaNonConformismo
Se osserviamo, la natura ci insegna sempre l’indipendenza e il non – conformismo

Questo articolo farà più che sorridere chi mi conosce di persona.

La frase condivisa da Ghiandola pineale – il terzo occhio recita

Se osserviamo, la natura ci insegna sempre l’indipendenza e il non-conformismo

Vi invito ad osservare l’immagine: un albero è cresciuto al di fuori della gabbia che qualcuno aveva costruito intorno a lui. Possiamo parlare di indipendenza, non conformismo o di libertà?

La differenza è sostanziale. L’albero aveva solo due scelte davanti a lui

  • Crescere all’interno dello steccato
  • Crescere al di fuori dello stesso

Mi sembra che questa sia una scelta anticonformista. Purtroppo, siamo persone, non alberi: io vorrei essere più anticonformista, ma devo comunque fare i conti con l’educazione ricevuta e le regole sociali che mi hanno imposto e che mi sono auto-imposto.

Perché accade questo? Perché  l’uomo è un animale sociale: deve vivere e convivere con gli altri.

Ammetto che – in vita mia – ho esasperato questo concetto: non mi sono mai concesso un attimo di libertà, finendo per tarparmi le ali da solo.

Come in tutte le cose, occorre seguire una giusta misura: concedersi un attimo di pazzia ogni tanto non può fare che bene, ma non dobbiamo mai dimenticarchi che esistono anche gli altri.