Per il culo si prendono le supposte

Cosa si prende per il culo
Per il culo si prendono le supposte, non le persone

Non mi piace prendere per il culo le persone. Anche se non la conosco personalmente, è l’utente di Twitter seisemplicementeFrancy a spiegarne il motivo con la frase

Per il culo si prendono le supposte, non le persone

Continua a leggere Per il culo si prendono le supposte

Il mio nome è Greta (Thunberg)

 

Il mio nome è Greta - Valentina Giannella
Copertina del Libro “Il mio nome è Greta” di Valentina Giannella

In questo periodo, si parla molto di una persona di sedici anni di nome Greta Thunberg che, cominciando dagli scioperi scolastici, sta portando avanti una battaglia contro il riscaldamento globale ed il clima in generale.

Continua a leggere Il mio nome è Greta (Thunberg)

Leggere, studiare, informarsi, porsi domande

Post di Valentina su Leggere
Post di Valentina su Leggere, studiare e informarsi

 

Quando si tratta di leggere i Social Network per poi scegliere i contenuti del mio blog, l’attenzione cade su ciò che scrivono i miei amici. Ieri è toccato a Valentina, che ha scritto sul suo profilo la frase

Continua a leggere Leggere, studiare, informarsi, porsi domande

Non dire mai “A me non accadrà!”, “Io non lo farei”

Cose da non dire mai
Non dire mai “a me non accadrà”, “io non lo farei mai”, perché la vita sa essere imprevedibile e nessuno è immune da certe cose. Tutto capita, anche quello che mai avresti immaginato

Non capisco cosa c’entri l’immagine di sfondo con l’aforisma di oggi. Certo, è un bel panorama, ma non ha alcuna attinenza con quanto asserito.

Forse la frase di Sabrina La Rosa è semplicemente troppo complessa per essere rappresentata visivamente

Continua a leggere Non dire mai “A me non accadrà!”, “Io non lo farei”

Il sondaggio di SKYTG24: Secondo te è una soluzione ?

Il Tweet  sulla chiusura dei porti come soluzione
Chiudiamo i porti: Secondo te è una soluzione praticabile?

Questa mattina il telegiornale SKY TG24 ha twittato un sondaggio in cui la domanda è

#Migranti, #Salvini: chiudiamo i porti. Secondo te è una soluzione praticabile?

Continua a leggere Il sondaggio di SKYTG24: Secondo te è una soluzione ?

Mi dispiace dirtelo, ma tra noi è infinita

Frase su un muro di città
Mi dispiace dirtelo ma tra noi è infinita

Non sono stato il solo ad essere catturato da una frase su un muro. In questo caso, sembrerebbe quasi ovvio pensare ad una dedica d’amore

Mi dispiace dirtelo ma tra noi è infinita

Si potrebbero fare solo delle ipotesi sui motivi che hanno spinto questo anonimo autore del murales a dipingere con lo spray queste parole:

  • Una dedica scherzosa alla persona amata
  • Un’ultima supplica dopo essere stato lasciato
  • Un modo creativo per dire non ti lascerò mai

Nelle relazioni la parola fine a volte non esiste, altre volte sì: quante volte ci ritroviamo a pensare all’amico con cui abbiamo interrotto i rapporti per un litigio? Perchè il fidanzamento durato anni si è interrotto?

Raramente, a distanza di anni, ricordiamo il vero motivo.Se, invece, ce ne ricordiamo, il tempo trascorso può aiutarci ada analizzare la questione con maggiore distacco. Non credo che – a distanza di tempo – saremo ancora così sicuri delle nostre ragioni: le esperienze fatte nel frattempo ci hanno aiutato a crescere.

L’essere umano, però, non è una macchina: non può farsi guidare solo dal cervello. La passione ed i sentimenti possono indurci nuovamente in errore. Non per questo dobbiamo rinunciare a vivere: siamo umani, dobbiamo perdonarcelo.

Abbi cura dei tuoi ricordi…

Frase di Bob Dylan
Abbi cura dei tuoi ricordi, perchè non puoi viverli di nuovo

Dopo aver dedicato un’articolo a Dario Fo, aspettavo con ansia che su internet apparisse una frase del Premio Nobel per la letteratura 2016, ovvero Bob Dylan.

Tralasciando il fatto che l’immagine – che a me ricorda un quadro pop, come è giusto che sia ricordato un cantante – ritrae l’artista in epoca giovanile, la stessa frase sembra riferirsi al passato.

Abbi cura dei tuoi ricordi, perchè non puoi viverli di nuovo

Un’invito implicito a vivere il presente? Certamente…Ma anche un invito a non dimenticare il passato. I ricordi ci possono aiutare soprattutto nei momenti bui,  facendoci pensare che:

  • Ne abbiamo già passate tante
  • Ci sono stati anche episodi positivi
  • Ciò che allora ci sembrava importante, si è poi rivelato ininfluente

Un simile modo di pensare può aiutarci a vedere il futuro come positivo.

Lettera a Marco Simoncelli – Ciao Sic

 

Ci sono trasmissioni radiotelevisive che ci trasmettono ilarità: tra le più famose in Italia c’è sicuramente Lo zoo di 105.  Alcuni considerano questi programmi demenziali, quindi da evitare per la loro stupidità: io non sono d’accordo.

Dietro un microfono, lo schermo di un computer, il mirino di una macchina fotografica o qualsiasi altro oggetto vogliate voi, c’è comunque una personaI conduttori  gli ascoltatori dello zoo lo hanno dimostrato in special modo il 24 ottobre 2011, dedicando l’apertura alla morte di Marco Simoncelli.

Il mio discorso non riguarda solo la gente di spettacolo, ma tutti noi. A volte, ci concentriamo su un singolo aspetto di una persona, giudicandolo:

  • Alto
  • Magro
  • Scorbutico
  • Solare

Potrei continuare l’elenco all’infinito. Il problema è che spesso ci dimentichiamo che ogni persona è a suo modo complessa e non siamo con lei ventiquattro ore al giorno.Forse, dovremmo imparare tutti a frequentarci un po’ di più.

Noi che abbiamo l’anima moriamo più spesso

Emily Dickinson - moriamo spesso
Noi che abbiamo l’anima moriamo più spesso

Una figura umana quasi abbozzata, in bianco e nero, mi ricorda l’immagine di un’anima quando moriamo, probabilmente di una persona che deve sopportare non solo le difficoltà della vita, ma anche il fatto che tante persone che frequenta non abbiano l’anima.

Non è solo  tristezza, ma qualcosa di più brutto e – forse – irrimediabile. Non a caso, la frase di Emily Dickinson  dice

Noi che abbiamo l’anima moriamo più spesso

Essere circondati da persone senza anima può portare alla morte? Non proprio:  credo che Emily Dickinson si riferisca più alla morte emotiva che alla morte fisica (e definitiva).

Non credo che moriamo solo quando cessiamo di respirare. Moriamo anche quando cessiamo di cercare un motivo per vivere, quello che qualcuno chiama scopo.

A volte, lo scopo è pratico e palese, per esempio

  1. Quando studiamo all’Università, vogliamo laurearci
  2. Se stiamo mettendo da parte i soldi per sposarci con la persona amata

Quando parliamo con persone che ci vogliono bene di questi scopi, ci spronano. Se, invece,  ci troviamo di fronte a semplici conoscenti, il nostro scopo non raggiungerà la loro anima e considereranno la notizia come se fosse stata letta al telegiornale della sera.

Certamente, in certi ambiti, dobbiamo fronteggiare la carenza di umanità: non credo che troviate molta voglia di chiacchierare nella cassiera che vi sta battendo l’ennesimo scontrino alla cassa del supermercato. Tuttavia, non è poi così fuori da ogni logica voler instaurare un rapporto umano con i colleghi, anche se non sempre ci si riesce

Ci si aspetta che amici e parenti si dedichino a noi anima e corpo. Purtroppo, le nostre aspettative possono essere deluse. Il fatto che siano parenti o amici non significa per forza di cosse che abbiano un’anima. Magari, per citare e parafrasare Brandon Lee

Sono già morti, solo che ancora non lo sanno

Sono solo esempi generici, ma possono far capire a tutti voi cosa significa avere un’anima e non riuscire a nutrirla.