Non vorrei essere un sottofondo

David Gilmour non vorrebbe essere un sottofondo
Non vorrei essere un sottofondo, vorrei che la mia musica fosse l’unica cosa importante, almeno nel tempo in cui la si ascolta

Tutti sono abituati ad ascoltare musica in sottofondo, magari quando stanno facendo un lavoro noioso o perché così vuole il proprio capo, se si è in un pubblico esercizio.

Continua a leggere Non vorrei essere un sottofondo

Chi fermerà la musica – Pooh 2016

Per rispondere alla domanda posta ai loro spettatori, possiamo dire che la musica non si fermerà mai. Ci sarà sempre qualche nuova canzone proposta: dopo John Lennon, a cui i Pooh dedicarono il testo, ci sono stati altri gruppi e cantanti entrati nella leggenda.

Continua a leggere Chi fermerà la musica – Pooh 2016

Il rock non eliminerà i problemi, ma ti permetterà…

Frase di Pete Towshend sul rock
Il Rock non eliminerà i tuoi problemi, ma ti permetterà di ballarci sopra

Non è un mistero che mi piaccia la musica, sopratutto il rock. Ognuno, però, ha il suo motivo per il quale apprezza quest’arte: probabilmente, esisteranno tanti motivi quanti sono le persone a questo mondo. A me permette di considerare i miei problemi da una diversa prospettiva.

Il mio motivo è racchiuso nella frase di Pete Townshend, ex chitarrista e leader degli Who proposta oggi, come tante altre che ho citato, dalla pagina facebook de La Repubblica

Il Rock non eliminerà i tuoi problemi, ma ti permetterà di ballarci sopra

Che siate ascoltatori di musica o compositori, che preferiate la musica classica alla musica rock, non potreste mai negare il beneficio che quest’arte dà all’anima mentre la si ascolta. Non me ne vogliano i ballerini, ma credo che ci voglia un po’ di musica per ballare,anche solo nella propria testa.

Pensate all’immagine di sfondo: un gruppo di orientali balla all’aperto. Non ho nessun elemento per garantire che queste persone siano cinesi o coreane ma, se così fosse, il concetto sarebbe ulteriormente rafforzato.

In ogni caso, è possibile che le persone raffigurate abbiano qualche problema da risolvere:

  • Pratici
  • Filosofici
  • Personali

Non ha importanza di quale problema si tratti. Potrebbe trattarsi di un problema personale o lavorativo, l’importante è che loro stiano ballando, riusciendo a dimenticare così i loro pensieri per qualche minuto. Certo, Townshend parlava espressamente di Rock e non credo che nell’immagine si stia ballando sulle note di The Wall, ma la sostanza non cambia. L’importante è che si balli, ovviamente a suon di musica.

Che si tratti di un ballo o di un altro modo, tutti dovremmo dimenticarci dei nostri pensieri ogni tanto. In questo modo, riposeremo meglio e la nostra vita migliorerà quasi senza rendersene conto.

Pioggia di novembre – November Rain

Novembre è un mese che non mi è mai piaciuto: a parte la ricorrenza dei morti, non ci sono festività particolari, le giornate sono brevi, prevalentemente piovose e fredde nonostante i cambiamenti climatici. Sembra quasi un periodo di attesa verso il Natale, che preannuncia tempi migliori.

Continua a leggere Pioggia di novembre – November Rain

Atto di fede

 

Come dice Luciano Ligabue  nel testo di Atto di Fede, nella vita accadono molte cose: alcune positive, altre negative.

Spesso sono eventi in cui non abbiamo avuto un ruolo attivo: pensate a quando due vostri amici litigano e voi cercate di fare da paciere…siete stati spettatori dell’evento che ha causato il litigio, ma non attori. Al massimo, siete stati commentatori di quell’evento dopo che è accaduto.

Del resto, non si può pretendere di entrare nella vita di tutti. Purtroppo, in un curioso effetto farfalla,  qualsiasi atto facciamo ha ripercussione sulla vita di tutti, siano essi

  • amici
  • famigliari
  • conoscenti

E’ un fatto che non teniamo mai in debita considerazione: quasi fossimo tutti dei moderni Marchesi del Grillo, anteponiamo il nostro interesse a quello altrui.

Non tutti sono così: io commetto l’errore opposto. Ben sapendo quanto ho appena esposto, prima di prendere una decisione rifletto molto: non perché non voglia cambiare la mia vita, ma perché so che la mia decisione può influenzare la vita altrui.

Immaginiamo, per esempio, che avessi deciso di trasferirmi all’estero subito dopo la laurea: i miei genitori avrebbero avuto un figlio molto distante, io avrei dovuto rifarmi tutti gli amici, forse avrei conosciuto la fidanzata di mio fratello in modo superficiale.

E’ solo un’ipotesi, ma non mi pare così distante dalla realtà: del resto, ci sono miliardi di persone sulla terra…Ma perché ci comportiamo come se fossimo gli unici abitanti?

Non lo so, io so solo che ho fatto un giuramento: non vi ferirò mai, salvo che per legittima difesa. Se ciò accadrà, non sarà nemmeno necessario chiedere scusa, ma preferirei sicuramente un chiarimento a quattro occhi sulle reciproche posizioni. Parlandosi, si possono capire molte cose che – se taciute – creano solo confusione ed incomprensione. A volte richiede un po’ di sforzo, ma funziona!

 

Questo è il mio atto di fede.

Quando ascolti musica con le cuffie…

Se ascoltiamo musica con le cuffie
Quando ascolti musica con le cuffie…e sei proptetto dalla stupidità umana

Mentre mi accingo a scrivere un articolo sulla musica, Consolata ha appena messo un Like ad un mio precedente commento sulla musica: la trovo una magnifica coincidenza.

Secondo la pagina Facebook il rock è la migliore musica del mondo

Quando ascolti la musica con le cuffie…e sei protetto dalla stupidità umana

Non so se  ci avete mai fatto caso, ma io preferisco parlare di persone, non di gente: la differenza è evidente anche nel comportamento. Immaginiamo che siate su un mezzo pubblico affollato e qualcuno vi pesti un piede: dareste forse la colpa alla persona immediatamente accanto a voi? È più probabile che la gente, scontrandosi, abbia creato il classico effetto – domino. A causa dell’incidente, qualcuno si arrabbierà. È giusto? Assolutamente no, perché nessuno ha colpa. Forse la colpa è di tutti, perché ognuno pensa ai fatti propri.

In mezzo a questa confusione, ci sarà qualcuno che non ha non ha notato nulla. Li riconoscerete da un dettaglio:  sono le  persone che hanno le cuffie nelle orecchie! Probabilmente, è il momento meno appropriato per ascoltare musica. Forse è meglio utilizzare quelle ore che trascorriamo davanti alla televisione prima di andare a dormire per farlo. Quando siamo fuori di casa, magari il rumore ci dà fastidio, ma possiamo sempre sovrastarlo spegnendo le cuffie e parlando con la persona seduta di fianco a noi sul tram.

Ascoltare musica non significa solo apprezzare un artista, ma anche dedicare del tempo a sé stessi.

Dedicare tempo a sé stessi è la cosa più importante: a volte possiamo farlo semplicemente indossando le cuffie (anche se io preferisco gli auricolari  o le casse dello stereo) premendo il tasto play. Il tempo di un paio di canzoni…e torneremo alla vita di tutti i giorni più carichi di prima.