Vivo tra gli ignoranti e gli ignoranti

Immagine dalla pagina Facebook "Trainspotting Italia"
Vivo tra gli ignoranti e gli ignorati

L’amministratore della pagina Facebook Trainspotting Italia mi vorrà scusare se ho dovuto chiedere alla mia amica Angelica il nome del personaggio usato come sfondo di questa immagine: non essendo un grande appassionato di questo film, avrei preferito glissare piuttosto che dire una stupidaggine: lo ammetto, sono ignorante in materia.

Come sostiene la frase di stasera

Vivo tra gli ignoranti e gli ignorati

Essere ignoranti è ben diverso che essere ignoranti in materia: questi ultimi ammettono di non sapere nulla su un determinato argomento. Io stesso sono ignorante in materia del tema Trainspotting (ma se mi parlate di altri film, posso stupirvi con la mia videoteca).

Per un curioso gioco delle parti, gli ignoranti non considerano gli ignorati: appaiono loro strani, quasi incomprensibili….invece sono solo degli incompresi da persone che credono di sapere tutto, non sapendo nulla, in realtà.

Nel mezzo, troviamo il nostro Mark Renton: la vita sulla strada lo ha portato ad essere considerato un ignorato . Dentro di lui, però, conosce il suo valore, e perciò ha studiato entrambe le categorie di persone.

Per questo rispetto tutti: anche dietro un aspetto dismesso può celarsi un prossimo personaggio.

Ogni tanto vorrei sentirmi importante anch'io

Imagine da Tumblr
Ogni tanto vorrei sentirmi importante anch’io

Un occhio piangente è l’immagine che un utente ha scelto come sfondo per condividere la sua creazione su tumblr.

Le lacrime possono voler dire molte cose. Il significato, in questo caso, è reso esplicito dallo scritto

Ogni tanto vorrei sentirmi importante anch’io

Ammetto di aver pensato anche io varie volte ad una frase simile: vedevo gli altri al centro dell’attenzione o circondati di amicizie, mentre io ero in difficoltà.

Recentemente, mi sono reso conto di una cosa: noi stessi siamo i primi a doverci sentire importanti, a doverci dare valore. Se non diamo valore a noi stessi, impossibile che gli altri ce ne diano: al massimo, possiamo suscitare pietà e compassione, come un mendicante che dorme sotto le vetrine del centro di Milano.

Questo non vuol dire pavoneggiarsi: si tratta semplicemente di rendersi conto della propria unicità.

 

Puoi cambiare solo te stesso, ma questo cambierà ogni cosa

Frase di Gary Goledstein
Puoi cambiare solo te stesso, ma questo cambierà ogni cosa

Cercando un’immagine per questa frase di Gary Goldstein non ne ho trovata una appropriata che raffigurasse il cambiamento.

Forse il motivo è racchiuso nella frase stessa

Puoi cambiare solo te stesso, ma questo cambierà ogni cosa

Il cambiamento è una cosa che riusciamo solo ad immaginare parzialmente:

  • Immaginiamo gli scopi che raggiungeremo
  • Immaginiamo l’aspetto esteriore che avremo
  • Immaginiamo dove saremo, geograficamente e socialmente

Ciò che non riusciamo ad immaginare  è il nostro cambiamento psicologico, quella che qualcuno chiama anche maturazione.

Forse è proprio questo il bello: in questo modo, non riusciremo mai a prevedere il futuro.

 

 

Il Potere serve solo se vuoi danneggiare gli altri, altrimenti l'amore è più che sufficiente

Frase di Charlie Chaplin
Il Potere serve solo se vuoi danneggiare gli altri, altrimenti l’Amore è più che sufficiente

Non è la prima volta che condivido una frase di Charlie Chaplin: del resto, un personaggio che ha vissuto ottantotto anni, credo che abbia avuto molto da dire. Ironia della sorte, è stato un personaggio del cinema muto.

Il Potere serve solo se vuoi danneggiare gli altri, altrimenti l’Amore è più che sufficiente

Se penso alle parole amore potere, non potrebbero essere più distanti fra loro: la prima ricorda la famiglia, la seconda il lavoro.

In ogni ambiente che frequentiamo, però, abbiamo a che fare con delle persone:

  • Clienti
  • Colleghi
  • Superiori

Usiamo questi termini per differenziare gli uni dagli altri….ma fanno tutti parte dell’insieme delle persone.

A chi non piace essere trattato amorevolmente? Salvo rare eccezioni di masochismo, credo a tutti. Eppure, vuoi per lo stress, vuoi perchè la persona che ci sta a fianco non ci è gradita, ci dimentichiamo di trattare gli altri come persone.

Qualcuno potrebbe obiettare che non tutti i caratteri sono compatibili fra loro: spesso dobbiamo frequentare anche persone che non gradiamo. Siccome non possiamo scappare, preferiamo fingere. Io ho un terzo suggerimento: state zitti ed osservate la persona per un po’ di tempo.

 

Lacrymosa

 

Non credo che le canzoni che parlano della fine di un amore siano originali: anzi, il più delle volte esprimono concetti triti e ritriti. Nemmeno le canzoni che usano campionamenti lo sono: perchè dover usare la musica di qualcun altro quando si potrebbe comporre qualcosa di nuovo?

Ma cosa si ottiene se si incide una canzone d’amore campionando il Requiem di Mozart? La risposta ce la forniscono gli Evanescencel’eccezione che conferma la regola!

Lacrymosa è, infatti, tutto questo: se è vero che la perdita dell’amore equivale ad un lutto, quale melodia migliore del Requiem più famoso del mondo per accompagnarlo?

Qualcuno, leggendo questo post, potrebbe pensare che io sia triste: niente affatto! Questa sera voglio solo farvi apprezzare l’originalità del brano.

 

 

Quando la vita ti mette in ginocchio…

Quando la vita mette in ginocchio Julia Roberts
Quando la vita ti mette in ginocchio, fai finta di allacciarti le scarpe

Oggi chi ha creato la pagina Facebook I pensieri di Mery ha condiviso la frase

Quando la vita ti mette in ginocchio, fai finta di allacciarti le scarpe

usando come immagine di sfondo un ritratto di Julia Roberts.

Continua a leggere Quando la vita ti mette in ginocchio…

Abbiamo imparato a volare …, a nuotare …, ma non abbiamo imparato l'arte di vivere come fratelli

 

Frase di Martin Luther King
Abbiamo imparato a volare come gli uccelli, a nuotare come i pesci, ma non abbiamo imparato l’arte di vivere come fratelli

In poco più di un mese, questa è la terza volta che cito una frase di un Premio Nobel. Dopo Bob Dylan e Dario Fo, questa sera tocca a Martin Luther King.

Abbiamo imparato a volare come gli uccelli, a nuotare come i pesci, ma non abbiamo imparato l’arte di vivere come fratelli

Non solo King ha ragione, ma la situazione è molto peggiorata negli ultimi cinquant’anni:

  1. Sempre più persone vivono da sole
  2. Consideriamo l’estraneo un potenziale delinquente
  3. Ci lamentiamo della solitudine, ma non ci avviciniamo all’altro

Accusare i Social Network sarebbe ipocritala colpa è solo nostra. Basterebbe poco per ripristinare i rapporti: un invito a bere un caffè, una telefonata, aiutare uno sconosciuto….Eppure aspettiamo che sia l’altro a fare la prima mossa.

Non è necessario fare qualcosa di eccezionale per cambiare il mondo: basta fare la prima mossa. Immaginate come sarebbe il mondo se tutte le persone, separatamente, decidessero di fare una sola, singola, mossa: il mondo non sarebbe completamente diverso?

Quando curi una malattia puoi vincere o perdere, quando ti prendi cura di una persona puoi solo vincere

 

Se curi un blog come questo, non hai che l’imbarazzo della scelta per decidere cosa scrivere. Come molte altre volte, questa sera avevo scelto una frase scritta del vero Patch Adams

Quando curi una malattia puoi vincere o perdere, quando ti prendi cura di una persona puoi solo vincere

Un video, però, mi sembra più efficace per un discorso lungo e complesso. Ironicamente, è la scena in cui Patch Adams affronta un discorso lungo e complesso in difesa del proprio operato.

Continua a leggere Quando curi una malattia puoi vincere o perdere, quando ti prendi cura di una persona puoi solo vincere

Se lasci cadere la mente, all'improvviso diventi felice, senza alcun motivo

Frase di Osho
Se lasci cadere la mente, all’improvviso diventi felice, senza alcun motivo

La frase di stasera è piaciuta non ho appena ho anticipato su Facebook che ne avrei parlato.

Se lasci cadere la mente, all’improvviso diventi felice, senza alcun motivo

La mia amica Elena si è immaginata una testa cadere: di sicuro Osho non intendeva dire questo, ma l’immagine è simpatica.

Non è un caso che sullo sfondo ci sia l’immagine di un precoce monaco buddista sorridente: chi meglio di un bambino può rappresentare la spensieratezza e la felicità?

Escludendo eventi tragici, come lutti o malattie, la maggior parte delle nostre preoccupazioni sono dettate dal fatto che tendiamo a vedere il bicchiere mezzo vuoto o ci focalizziamo su obiettivi che ci paiono lontani.

Provate a pensare com’era la vostra vita un anno fa: un centimetro alla volta, l’avete condotta dove siete ora. Se quest’immagine non vi piace, pensate che avete ancora molti centimetri da percorrere, ognuno dei quali ignoto.

Probabilmente, l’ultima volta che siete stati felici, è stato l’ultima volta in cui avete pensato alla vostra vita.

Ti darò tutto quello che nei libri hai sempre sottolineato

cosa avete sottolineato nei libri?
Ti darò tutto quello che nei libri hai sempre sottolineato

A volte pensiamo che gli aforismi e le frasi ad effetto siano nate dalla mente di un qualche autore famoso, di cui spesso abbiamo sottolineato concetti che ci piacciono. Anche i muri e gli autori anonimi, spesso, hanno molto da dire.

La frase di stasera insegna proprio il contrario: una dedica d’amore anonima è stata scritta su un muro 

Ti darò tutto quello che nei libri hai sempre sottolineato

Poco importa che sia  presa  da Manolo Trinci.  Se qualcuno ha scritto la frase sul muro, significa che l’ha letta, attribuendogli un significato personale: ecco perché lo considero un autore.  A qualcuno potrebbe ricordare il film tre metri sopra il cielo, ma le dediche d’amore scritte sui muri esistono da sempre.

Chi non mai sottolineato un libro? È una cosa che facciamo fin dai tempi di scuola e che usiamo più spesso di quanto non riusciamo a ricordare quando:

  • Stampiamo una mail su cui appuntare la risposta
  • Leggiamo un documento importante
  • Una frase tratta da un testo qualunque ci colpisce

Se sottolineiamo una frase, le diamo risalto, maggior importanza rispetto al resto del testo. Perciò, sottolineiamo le frasi che ci servono o ci colpiscono.

Io faccio parte di un’altra categoria: i libri sono così importanti per me che odio rovinarli sottolineandoli. Preferisco appuntarmi su un quaderno le frasi che mi colpiscono:in questo modo, è come se scrivessi una sorta di diario. A volte, ciò che leggo resta impresso su questo blog, altre volte su un quaderno: tutte le volte resta in testa.

Se qualcosa resta in testa, significa che per noi è importante e che ci ha colpito in qualche modo.

Sia che le scriviate, sia che le sottolineate, quelle saranno per voi le  frasi importanti….le frasi che costellano lavostra vita!