Se ti rende felice – If it makes you happy

John Lennon aveva già stabilito durante la scuola che il suo scopo era fare qualcosa che lo rendesse felice. In fin dei conti, è la stessa cosa che continuo a ripetere anche io: una persona dovrebbe fare ciò che lo rende felice.

Continua a leggere Se ti rende felice – If it makes you happy

Pensavo fosse finita – It must have been in love

Oggi non pensavo di scrivere a proposito di una canzone che parla d’amore. Piuttosto avrei preferito concentrarmi su quei momenti della vita in cui le cose non sembrano andare per il verso giusto.

Continua a leggere Pensavo fosse finita – It must have been in love

Playa (spiaggia) – Baby K. 2019

Il brutto delle canzoni definite tormentoni estivi è che sono ripetitive: è dal tempo dei Righeira che abbiamo imparato che spiaggia in spagnolo si dice Playa ed è almeno dall’epoca di James Blunt  che sulla playa si sta tutta la notte.

Continua a leggere Playa (spiaggia) – Baby K. 2019

La pasta de La Sabri – Parodia La Vasca

Scusate se in questo Week-end non ho scritto nulla, ma ero intento a prepararmi un po’ di pasta: mi rilassa cucinare, ogni tanto. Mentre io stavo impastando, la YouTuber LaSabri caricava sul proprio canale il video La Pasta, parodiando una famosa canzone di Alex Britti.

Continua a leggere La pasta de La Sabri – Parodia La Vasca

Preghiera per un classico – Prayer for a classic

Un classico e giusto comportamento che le persone tengono è quello di chiedere qualcosa quando lo vogliono.

E’ accaduto anche a Jack Black. Come potete vedere dal video che vi propongo, su proposta del regista di School of Rock, ha letteralmente pregato i Led Zeppelin per ottenere la possibilità di inserire Immigrant Song nella colonna sonora del film.

Continua a leggere Preghiera per un classico – Prayer for a classic

La ragione – The reason

 

Non ho ancora capito la ragione per cui gli Hoobastank hanno deciso di raccontare la storia di una rapina nel video di The reason. Chi lo sapesse è pregato di commentare qui sotto, grazie.

Continua a leggere La ragione – The reason

Che cosa succede? – What’s Up?

A volte succede che mi ritrovi molto in frasi che trovo nelle canzoni. Per esempio, mi ritrovo molto nella domanda che si fanno le 4 Non Blondes nella loro canzone più famosa

Che cosa succede?

Questa domanda ce la siamo fatta tutti molto spesso: succede quando abbiamo fatto un percorso, siamo arrivati ad un certo punto, potremmo essere felici, ma siamo insoddisfatti.

Non voglio essere completamente negativo: potrebbe trattarsi solo di stanchezza, come nel mio caso, e potrebbe bastare una piccola vacanza per poi riprendere con la carica giusta. Se, però, succede che il periodo di riposo non porta gli effetti sperati, allora potrebbe significare che c’è anche altro.

Il motivo è facilmente individuabile: la vita che conduciamo. Basta un piccolo quaderno o un agenda per segnare come passiamo la maggior parte delle giornate. In estrema sintesi:

  • Trascorriamo otto ore al lavoro
  • Ci districhiamo tra faccende domestiche e attività per trascorrere il tempo libero
  • Ci riposiamo – o crediamo di farlo – la sera davanti alla televisione o in un qualche locale
  • Ad una certa ora, crolliamo esausti

In fin dei conti, succede che dedichiamo pochissimo tempo ad una qualsiasi attività personale: qualcosa che – oltre a farci passare qualche ora piacevole – possa farci crescere in qualche modo.

Vorrei farvi una domanda

Quando è stata l’ultima volta che vi siete impegnati spontaneamente ad imparare qualcosa di nuovo?

La parola spontaneamente è molto importante, in questo senso: significa averlo fatto senza essere stati obbligati da qualcuno, come quando eravate a scuola, e seguendo la vostra passione o quella che sentite tale.

Se avete perso la passione, non disperate: a volte succede perché anestetizziamo il cervello la sera davanti alla televisione…Ma basta tirare fuori quel vecchio manuale che avete solo sfogliato per riprendere la passione e, forse, scoprire cose nuove.

Da qui a conoscere nuove persone che abbiano la vostra stessa passione il passo è più breve di quanto si pensi. Quindi, se posso darvi un consiglio, stasera spegnete la televisione e – se proprio non volete leggere – guardate un tutorial su internet.